domenica 6 settembre 2009

Domenica, 5 settembre 2009. 07: 38

Il tempo non è il più grande guaritore, è un medico della mutua.

Claudio

10 commenti:

  1. Più passa il tempo, e più pssa meno tempo.
    Cioé, ce ne vuole di più perché faccia qualcosa.

    RispondiElimina
  2. Già!
    Visite brevi, più per dovere che per piacere, una ricetta con qualche medicinale dall'effetto placebo e arrivederci alla prossima.
    La panacea per tutti i mali non esiste, ma quella del tempo che cura è altrettanto una grande invenzione.
    Ciao Clà, il solito abbraccio...

    RispondiElimina
  3. >Pepis,
    certe volte mi sembra che nemmeno Borges c'abbia capito una mazza col tempo.
    Il tempo in verità è un infame.

    >Elle,
    un abbraccio a te e a chi ti è accanto nella vita, signora.
    Domani pomeriggio pensa a me, non sarà un momento facile, pensa a me col barbone e i piedoni, pensami e ridi, mi aiuterai a superarlo.

    Claudio

    RispondiElimina
  4. Sarà fatto Claudio.
    Un pensiero oggi pomeriggio tutto per te. Spero possa arrivarti in qualche modo ed aiutarti a sciogliere almeno un po' quel momento difficile.
    Ti abbraccio ancora più forte.

    RispondiElimina
  5. Come non lo è? Io ci contavo. Ora non puoi dirmi questo, no. O almeno che sia un medico della mutua giovane con tanta buona volontà e che crede nel suo lavoro. Ma questo lo scopriremo solo col tempo.

    RispondiElimina
  6. >Koralyn:

    Il tempo è un buon compagno di viaggio. Pefforza, si viaggia in lui.
    Così va meglio?

    RispondiElimina
  7. un abbraccio, clà.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno api, tuttapposto?
    Ripreso a lavorare? Che si dice sull'isola?

    RispondiElimina
  9. aspè, ti rispondo...tuttaposto? si, a parte un mal di denti feroce!lavoro? massì, già dal 26 agosto,a fare e disfare il tutto e il niente in riunioni massacranti. ora coi frugoli, a trascinarmi e trascinarli in creativi passi di danza,,,,ma sono stanca, visto il silenzio?
    un abbraccio, carissimo claudio.

    RispondiElimina
  10. Api.
    Ma quanti sono i tuoi marmocchietti? Se cerchi ispirazione per i prossimi balli, ti consiglio la mia preferita, Carolyn Carlsonn.
    Abilità quanta ne vuoi, ma soprattutto cuore. Quant'è difficile farlo capire a chi ama solo le dimostrazioni di tecnica.
    Ti abbraccio anch'io, signora, e a presto.
    P.s.: il lavoro è sempre una gran rottura di coglioni.

    RispondiElimina